Apparecchiare la tavola: le regole della mise en place

line
Una piccola guida su come apparecchiare la tavola per pranzi e cene importanti, ricordandosi sempre che se è vero che ci sono regole molto precise, è altrettanto vero che conoscerle dà anche la possibilità di infrangerle.


Come apparecchiare la tavola

"Non c’è vista migliore che quella di una tavola ben apparecchiata"
Arthur Inch


PREPARARE IL TAVOLO
La tovaglia è di certo uno degli elementi protagonisti: meglio se semplice, magari di lino bianca, ma di certo deve essere senza macchie e ben stirata.
Non deve essere né importante né costosa e – possibilmente – con dei tovaglioli abbinati per stile e colore.
E le dimensioni? Grande a sufficienza da coprire il tavolo.
Nel disporre le stoviglie ricordarsi sempre che la tavola deve essere bella ma anche fruibile: ogni posto deve essere equidistante dagli altri, allineando le sedie e gli oggetti utilizzati per l’apparecchiatura, lasciando abbastanza spazio tra un coperto e l’altro.


PIATTI E SOTTOPIATTI
Se si tratta di un'occasione elegante non possono mancare i sottopiatti.
Sopra al sottopiatto va il piatto piano, mentre il piatto fondo si mette in tavola solo se sono previste zuppe o minestre.
Tutti gli altri piatti vengono serviti al momento del bisogno.


SISTEMARE LE STOVIGLIE
Molti dubbi su come apparecchiare la tavola nascono dalle posate, per le quali esistono regole abbastanza ferree.
Il modo più semplice per disporle è ricordare che si deve procedere sistemando più lontane dal piatto le posate che saranno usate per prime e poi procedendo verso il piatto con le posate che serviranno per le portate successive.
A sinistra del piatto vanno le forchette. Se il primo non è in brodo, saranno generalmente due. La prima verso l’esterno sarà quella per il primo piatto, la seconda verso l’interno sarà quella che si utilizzerà per il secondo di carne, pesce o verdura.
A destra del piatto va il coltello, con la lama rivolta verso il piatto.
Più a destra del coltello va l’eventuale cucchiaio.
I bicchieri vanno sopra il coltello e il cucchiaio: saranno sufficienti uno grande per l’acqua e uno più piccolo per il vino.
Per il tovagliolo il dibattito è aperto: molti lo mettono a sinistra, altri a destra, alcuni sul piatto.


ATTENZIONE AL CENTROTAVOLA
Che si scelgano dei fiori (dal profumo delicato) o delle candele, l'importante è che il centrotavola non sia troppo alto, per non ostacolare la visuale tra i commensali.
Oltre al centrotavola può essere carino utilizzare un segnaposto con il nome del commensale, una piccola decorazione posta tra il piatto e i bicchieri o vicino al tovagliolo.





Vi aspettiamo nei nostri negozi per scegliere insieme a noi le migliori porcellane per la vostra tavola!